BITCOIN COLPISCE $ 100.000 NEI MERCATI P2P TURCHI COME LIRA PIUMA

Il costo per l’acquisto di un Bitcoin nei mercati crittografici peer-to-peer della Turchia è salito a oltre $ 100.000.

Secondo i dati recuperati da LocalBitcoins.com, il prezzo minimo Ask per Bitcoin ha raggiunto 509.840 lire turche (~ $ 64.000). Nel frattempo, alcuni scambi offline richiedono fino a $ 100.000 in lire per una criptovaluta di punta, quasi il doppio del suo tasso Ask globale.

LIRA CRASHES

I livelli astronomici dei prezzi appaiono dopo un importante calo del valore della lira turca. La valuta è crollata fino al 14% lunedì dopo che il presidente Recep Tayyip Erdogan ha licenziato il governatore della banca centrale del paese, accreditato per aver tirato fuori la lira dalla sua tendenza ribassista all’inizio di quest’anno.

Naci Agbal, che aveva sostituito il genero del presidente Erdogan Berat Albayrak come governatore della banca centrale, era un sostenitore di tassi di interesse più elevati. Il suo piccolo mandato ha ricevuto applausi da investitori locali e stranieri per spingere la Turchia verso una politica monetaria più ortodossa.

Max Lin, uno stratega valutario dei mercati emergenti presso NatWest Markets, ha dichiarato al Wall Street Journal che la rimozione di Agbal era un segno che il presidente Erdogan non vuole aumentare i tassi di interesse per contenere l’inflazione esplosiva della Turchia, aggiungendo che la lira ora rischia di precipitare ulteriormente. inferiore a causa dell’attuale competitività.

Edward Al-Hussainy, analista senior di tassi e valute presso Columbia Threadneedle, ha inoltre sottolineato che le attività turche subirebbero un’intensa pressione di vendita poiché gli investitori limitano la loro esposizione nel mercato iperinflazionato del paese.

„Svolgere quella che era una politica macro brevemente appropriata sarà doloroso“, ha detto al Financial Times.

RITORNI NARRATIVI AL SICURO

Bitcoin si pone come una risorsa finanziaria di riferimento contro l’inflazione.

La criptovaluta, che opera lontano dalla competenza dei governi e delle banche centrali, è emersa come una copertura interessante nei paesi che subiscono cambiamenti catastrofici della politica economica. L’iperinflazione del Venezuela e dello Zimbabwe, la crisi del debito della Grecia e il controllo dei capitali della Cina hanno aumentato l’appetito di Bitcoin in passato.

D’altra parte, le ricerche di Google con la parola chiave „Bitcoin“ sono quasi raddoppiate dopo lo scivolamento della lira turca.

„Una valuta in calo può essere una benedizione sotto mentite spoglie se porta un paese e i suoi cittadini in BTC molto prima di altri paesi“, ha detto Marc van der Chijs, un investitore macro con sede nei Paesi Bassi.

Nel frattempo, il presidente Erdogan ha nominato Sahap Kavcioglu, un professore di banche poco conosciuto, come nuovo capo della banca centrale. Ha spinto analisti e investitori a prevedere una forte svendita degli asset turchi che eliminerebbe tutti i guadagni realizzati durante il mandato di Agbal.

Robin Brooks, capo economista del think tank dell’Institute of International Finance, ha affermato che la Turchia deve affrontare i rischi di massicci deflussi di capitali. A sua volta, indebolirebbe ulteriormente la lira, il che porterebbe ulteriori opportunità di rialzo per Bitcoin.